lunedì 20 giugno 2011

Musica dal vivo | Domenica 10 Luglio: CONTRARIO MOTU

I Contrario Motu si esibiranno a TIMPAVIVA Domenica 10 Luglio.
Intervista a cura di Sisco Montalto per Clap Bands Magazine.

Contrario Motu, da Marsala, è di quelle band che non perde troppo tempo in preamboli. Nati infatti nel gennaio 2010, dopo un breve affiatamento, incidono subito un ep interamente autoprodotto. Legati al panorama rock alternativo italiano degli ultimi tempi (vedi Teatro degli Orrori), suoneranno per TimpaViva e per l'Arsenale alle "Chiazzette" di Acireale il dieci luglio. Conosciamoli un pò meglio...



- Vincenzo allora parlami del progetto "Contrario Motu" per chi non lo conoscesse..
"Ci riuniamo, come hai detto tu, nel gennaio del 2010 per le prime prove...dopo aver definitivamente chiuso le nostre personali esperienze con altre bands e progetti.
Io e Giuseppe (Lo Grasso, bassista) abbiamo suonato tra il 2008 e il 2009 in una band tributo ai Pearl Jam, gli Sweet Grey Mother. Giuseppe, suonava contemporaneamente in un progetto di musica inedita...i P.V.P. Giampaolo (Bilello, batterista) ha suonato nei due anni precedenti in una band di inediti...gli Enoteca Marsalese...in omaggio alla sua attività lavorativa.
Chiuse queste parentesi, dopo un periodo d'incubazione di circa 4 mesi, abbiamo cominciato a suonare brani inediti.
Idee musicali mie sviluppate insieme a Giuseppe e Giampaolo successivamente...su testi miei. Percui mi piace dire che la musica è della band mentre i testi sono assolutamente i miei.

- Suonerete a Timpaviva: credo che suonare in una location del genere sia esaltante: le vostre riflessioni su queste iniziative dove l'arte, tutta, si mescola...
"Saremo estremamente lieti di suonare a Timpaviva. Ne avevamo già sentito parlare e siamo davvero entusiasti.  Abbiamo già partecipato a contest di questa natura, in cui pittura, poesia e musica si mescolano.
Opera d'arte totale alla Wagner. Sono di quelle occasioni in cui si respira a pieni polmoni aria di creatività e di freschezza intelletuale e morale...almeno per noi è così!"

- Come definiresti il vostro genere?
"La musica che suoniamo, secondo me, è il risultato, la sintesi di generi e influenze diverse ma contigue che si mischiano tendendo verso l'alternative rock (almeno così lo hanno definito amici e parenti) con testi in lingua italiana.
Noi suoniamo semplicemente rock... tutte le definizioni ultime sullo stile e varie sfumature sono ben accette anche se troppo concettuali."

- Di cosa parlano i tuoi testi?
"Io nei testi non parlo di nulla o meglio non voglio dire nulla di preciso ne inviare messaggi, definita la musica cerco le parole che più si adattano "metricamente" a quella, e lo faccio seguendo una sorta di "flusso di coscienza" (con tutta la modestia possibile e immaginabile), emergono delle immagini che traduco in testo ricercando anche vocabili leggermente più ricercati....Poi ho letto un articolo di uno studioso che affermava che gli esseri umani sono "strutturati" per dare significati a qualsiasi cosa...e questa lettura fu illuminante."

- Le vostre influenze?
"Le principali influenze sono rappresentate per noi da tutte quelle bands italiane ed estere che ascoltiamo ogni giorno...dirne una piuttosto che un'altra è riduttivo...Giampaolo ascolta musica dalle 9 alle 21:00 ogni giorno da 30 anni...e non è una battuta!
Dicono che si sente molto l'influenza dei Marlene Kuntz. Allora poniamo loro come primis inter pares."

- Avete inciso un EP quasi un anno fa..
"Si l'EP. A fine giugno compie un anno. Nacque dall'esigenza di riascoltare tutto ciò che facevamo per correggere tutti gli errori o quasi.
Ne è venuto fuori un lavoro mediamente sufficente che si è ulteriormente sviluppato grazie all'aiuto di tanti amici, fra tutti Alessandro Spadaro che ha realizzato interamente il progetto grafico (logo, copertina etc..) gratuitamente. L'entusiasmo per questa cosa si è diffuso e così abbiamo deciso di stamparne 200 copie che abbiamo regalato, venduto e spedito. Un'esperienza fighissima soprattutto per me perchè non avevo mai registrato in studio prima d'ora (Giuseppe soprattutto ha delle esperienze alle spalle importanti con due bands di Perugia,città dove ha vissuto per anni, i Laniakea e i PornoMothel, concluse nel 2007)."

I Contrario Motu sono:
Voce/Chitarra: Vincenzo Di Bono
Basso/Voce: Giuseppe Lo Grasso
Batteria: Giampaolo Bilello