giovedì 23 giugno 2011

Musica dal vivo | Venerdì 8 Luglio: MARCELLO E IL MIO AMICO TOMMASO

I Marcello e il mio amico Tommaso si esibiranno a TIMPAVIVA Venerdì 8 Luglio.
Intervista a cura di Sisco Montalto per Clap Bands Magazine.



"Marcello e il mio amico Tommaso", duo pop di Roma, composto da Marcello - chitarra e voce e Tommaso - violoncello. Ad essi si aggiungono Gianlorenzo - oboe e Margherita - percussioni e cori. Praticamente sconosciuti da queste parti ma già abbastanza conosciuti a Roma e dintorni, suoneranno live ad Acireale, secondo gruppo non siciliano oltre ai Cat Claws presente a Timpaviva... Ho scambiato quattro chiacchere con Marcello, giusto per conoscerli un pò meglio, il resto lo vedrete e soprattutto sentirete a luglio alle Chiazzette...



- Chi sono Marcello e Tommaso?
"Marcello e Tommaso sono due ragazzi che si conoscono da quando erano minuscoli, andavano al mare entrambi ad Anzio e li sono diventati amici giocando a pallone nel cortile del palazzo dove entrambi vivevano. Hanno cominciato a suonare nel 2009 perché Marcello si era lasciato con la ragazza storica e aveva bisogno di musica consolatoria. Da allora hanno suonato parecchio a Roma e dintorni, partecipando tra le altre cose al Romapopfest e suonando con gli Ex-Otago al Circolo degli Artisti."

- Prima volta che suonerete in Sicilia?
"Si, è la prima volta che suoneremo in Sicilia. Personalmente non vedevo l'ora, ci sono stato diverse volte da bambino in viaggio coi miei genitori ma mi ricordo davvero poco. Quello che ho sono immagini di fichi d'india e cannoli, oltre ai paesaggi di "Conversazione in Sicilia" di Vittorini. Grazie a Marco Emmy che ci ha chiamati potrò rifarmi gli occhi e il palato (I Marcello e Il Mio Amico Tommaso sono tutti molto golosi)."

- È sempre più difficile suonare live in Italia, in quest'ottica il Circolo degli artisti fortunatamente da molto spazio alle band emergenti: voi come siete messi?
"Non ci lamentiamo. Siamo un gruppo molto malleabile, cambiamo formazione e arrangiamenti praticamente ogni volta che suoniamo in modo da adattarci alla situazione in cui suoneremo. In passato abbiamo suonato in locali diversissimi tra loro: da caffè letterari a posti come il Sinister Noise, in genere frequentato sopratutto da un pubblico piu affezionato al metal che al folk. In generale credo che le cose belle finiscono in posti belli: il lavoro del musicista è scrivere belle canzoni. Il resto (locali, etichette, soldi, donne, droghe, macchine) viene da sé."

- Suoni anche nei Jacqueries: avevo intervistato qualche mese fa Andrea e lui mi diceva tra le altre cose che per lui la parola indie non ha molto significato: tu come definiresti i vostri progetti e questo in particolare?
"Sono abbastanza d'accordo con Andrea. Vedo sia i Jacqueries che Marcello e Il Mio Amico Tommaso come progetti pop. In entrambi cerchiamo di scrivere belle canzoni, senza forzature intellettualoidi e con l'umiltà di chi sa di fare un mestiere antico."

- Uscirà ad agosto il vostro primo ep: mi dai un'anticipazione?
"L'ep uscirà il 24 agosto (e non è solo una data!). Cinque pezzi, registrati durante i giorni più afosi della scorsa estate nella casa/studio di Piermaria Chapus (Peter T) dei Micecars. Le canzoni sono quasi tutte delle proiezioni edulcorate e contraddittorie di storie sentimentali tutto sommato disfunzionali che ho vissuto nel periodo prima di registrare i pezzi. Mi ci vedo molto: la verità non sta nelle storie stesse ma nel bisogno (tragico) di doversele raccontare."

- Ok, grazie e alla prossima!!
"Ciao e Grazie!!"